La Parigina Lifestyle Me

HABLAMOS ESPANOL?

20161024_111510[1]

 

 ”Una volta cercavo di prendere ogni giorno come veniva..sai,vivere alla giornata…La mia filosofia è cambiata:mi sono ridotto a vivere alla mezza giornata!”
(Charlie Brown)

Credo che uno dei più grandi problemi nella nostra quotidianità sia la mancanza di tempo.
Sempre di corsa, sempre trafelati, non ci si ferma mai a guardare nemmeno le cose che dovrebbero rendere la vita più bella?
Quand’è stata l’ultima volta che siete uscite all’alba e vi siete soffermate nel freddo pungente di una mattina d’autunno a guardare l’alba? Oppure vi siete sedute in un bar del centro ad assaporare davvero un caffè con panna e un croissant caldo?
Quando è stata l’ultima volta che davvero vi siete dedicate a voi stesse senza rimorsi, rimpianti e sensi di colpa?

Mentre do consigli di stile durante i “personal shopping”, spesso mi imbatto in persone che vogliono cambiare se stesse perché non sono più contente della propria vita, ma non riescono a rendersi conto che cambiare modo di vestire o di truccarsi non è tutto.
Quando suggerisco di fare davvero qualcosa per se stesse (un corso di lingue, di fitness, un abbonamento a un cineforum, la tessera musei, un abbonamento a teatro o alla stagione dei concerti), la risposta che arriva è sempre “non ho tempo”.
Ma quanto questo è realtà e quanto invece un alibi per non uscire dalla confort zone?

Lucy: ”La vita Charlie Brown è come una sedia a sdraio!Non sei mai stato su una nave da crociera?Alcuni piazzano la loro sedia a prua:vogliono vedere dove sono già stati.Altri mettono la loro sedia a poppa:vogliono vedere dove stanno andando.Sulla nave della vita,Charlie Brown,dove è la tua sedia a sdraio?”
Charlie Brown: ”Non sono mai riuscito ad aprirne una!”

Cambiare è difficile, ma basterebbe avere il coraggio di fare il primo passo.
Ha senso lamentarsi di essere sole e non fare nessunissimo sforzo per andare incontro agli altri? Ha senso lamentarsi che la propria vita è solo casa/lavoro/casa e non fare nessun tentativo per modificare la situazione nascondendosi dietro l’alibi tempo? 
Il tempo fa il suo corso, indietro non si torna, è meglio vivere di ricordi o avere solo rimpianti?

La mia mattinata al corso di spagnolo, un nuovo idioma, le valige pronte per un altro viaggio, un biglietto della metro destinazione Palazzo Reale, lo scontrino di Giacomo bistrot, caffè e croissant con le amiche cui non rinuncerei mai, walking, yoga, pilates, il corso di francese, una giornata a Parigi, un  pranzo ai Navigli occhi negli occhi… la vita è dolce!

 ”Non sarebbe stupendo se quella ragazzina coi capelli rossi si avvicinasse e mi baciasse?Le chiederei xchè l’ha fatto e non sarebbe stupendo se mi dicesse che l’ha fatto xchè mi ama da sempre?Allora l’abbraccerei e lei mi bacerebbe di nuovo…non sarebbe stupendo?!!!….Non sarebbe stupendo se venisse fuori che le patatine fritte fanno bene?”
(Charlie Brown)

20161024_105925[1]

“Once I tried to take each day as veniva..sai, live for the day … My philosophy has changed: I am reduced to half a day to live!”
(Charlie Brown)

I think one of the biggest problems in our daily lives is the lack of time.
Always running, always out of breath, one never stops to watch even the things that should make life more beautiful?
When was the last time you’re out at dawn and you have lingered in the biting cold of an autumn morning watching the sunrise? Or you’re sitting in a downtown bar to really savor a coffee with cream and a warm croissant?
When was the last time you’re really dedicated to yourself without remorse, regret and guilt?

While give style tips during the “personal shopping”, I often come across people who want to change themselves because they are no longer content with their lives, but fail to realize that change the way we dress or wear makeup is not all.
When I suggest to really do something for themselves (language courses, fitness, a subscription to a film club, the museums card, a subscription to the theater or concert season), the answer I get is always “I have no time” .
But as this is reality and how much an excuse not to get out of the comfort zone?

Lucy: “Life Charlie Brown is like a beach chair! Do not you ever been on a cruise ship? Some simply place their chairs in the bow: they want to see where they are already stati.Altri put their aft seat: they want to see where they are andando.Sulla ship of life, Charlie Brown, where is your chair? “
Charlie Brown: “I never managed to open one!”

Change is difficult, but it would be enough to have the courage to take the first step.
It makes sense to complain of being alone and not making absolutely no effort to reach out to others? It makes sense to complain that his life is just home / work / home and make no attempt to change the situation by hiding behind the time alibi?
Time has taken its course, no going back, it is better to live on memories or only have regrets?

My morning to the Spanish course, a new idiom, suitcases ready for another journey, a ticket to the destination meter Royal Palace, the receipt of James bistro, coffee and croissants with friends which would never give up, walking, yoga, pilates , a French course, a day in Paris, a lunch to the canals eye to eye … life is sweet!

“Would not it be great if that girl with red hair came near and kiss me? I would ask xchè did it and it would not be great if I were to say that he did xchè loves me always then the hug and she would kiss me again … it would not be wonderful? !!! …. would not it be wonderful if it turns out that the fries are good? “
(Charlie Brown)

No Comments Found