La Parigina Lifestyle

Il bello di esser donna

20160611_192726+

Le foto di oggi non sono un granché , faranno solo da coreografia, non è importante come sia vestita, truccata (a proposito… non lo sono affatto) o che monili indossi… l’importante è come e quanto mi senta femminile, o femmina qualsivoglia a 360°.

“Sarò un angelo per te quella donna che puoi stringere sul cuore, ma se occorre come il sole i tuoi sensi accenderò e piano piano poi li spegnerò.
Donna con te, di me chissà che sai, donna con te se tu lo vuoi”.
(Anna Oxa)

Ieri ho partecipato a un vivace dibattito Facebook scaturito da un post di Alessandro Nicolò Pellizzari, circa la classe degli uomini a cena. (il post di Alessandro lo trovate qui)
Più volte sul mio blog mi sono occupata di classe, bonton e regole di comportamento sottolineando che “il braccino corto” non è di classe, ma non sono mai entrata nello specifico… primo appuntamento, al ristorante… chi deve pagare il conto?
Qui si apre un bel capitolo in materia di signorilità ed eleganza… immaginatevi la scena… Primo appuntamento (non importa che età abbiate, si vive con la stessa ansia e le stesse aspettative), avete impiegato ore a prepararvi per essere al top, e ora sedute al tavolo di un ristorante vi sentite delle regine.
Ma ophs arriva il momento del conto e il principe azzurro della favola si trasforma in rospo pronunciando un ben poco fine “famo alla romana”… beh, io a questo punto suggerirei di sbattere le ciglia croccanti di mascara waterproof, cadere dal pero modello Marylin Monroe e far notare che oh sbadata… il portafogli l’ho lasciato a casa, d’altra parte nella minuscola pochette scelta con cura dopo ore di attenta cernita, per la romantica serata con lui non ci sarebbe comunque entrato.

Non c’è alcuna giustificazione di sorta a un gesto così ridicolo, l’uomo che vi trovate difronte è senza dubbio un vero maleducato, lo è in quest’occasione e lo sarà sempre, quindi da perfette sbadate quali siete una volta uscite dal ristorante perderete anche il suo numero di telefono, la sua mail e qualunque cosa possa servire a mantenere i contatti.
Il femminismo e la buona educazione possono tranquillamente andare di pari passo, io davanti ad un gesto cafone non mi sento alla pari di un uomo mi sento fortemente sminuita nel mio essere donna!
Vestendo come un camionista, parlando come un camallo (ho sentito donne bestemmiare cosa che se mi infastidisce in un uomo vi assicuro mi schifa profondamente in una donna), e comportandosi come la brutta copia di Lurch, daremo una svolta in peggio alla nostra vita, la parità è ben altro e si conquista diversamente.
Io ho una mia teoria… iniziate con l’accettare di pagare a metà o addirittura pagare voi, siate voi quelle che portano i pantaloni sempre e comunque, siate la compagnona barricadera in ogni occasione… e alla fine chissà come finirete lasciate per Barbie, perchè a conti fatti l’altra metà del cielo checché se ne dica, a Dolores Ibarruri preferirà sempre Edwige Fenech (con rispetto parlando ad entrambe queste due splendide signore), e dubito fortemente che per conquistare la Fenech, Montezemolo le abbia fatto pagare il conto.
Non si tratta di considerare l’altro un bancomat, per carità qualche volta giustamente saremo noi a pagare, o quantomeno a fare il gesto (che sia davvero sentito però, la finzione si percepisce sempre), ma durante la relazione, i pantaloni in questo caso specifico, noi li portiamo solo come capo di abbigliamento.
Considerate anche un’altra cosa… a meno che non siate andati a pranzo/cena da McDonald’s, se al ristorante durante una serata romantica siete voi a tirar fuori il portafogli, il vostro uomo non ci farà di certo una bella figura e sinceramente… dopo un gesto di simile maleducazione avete anche volta di proseguire romanticamente la serata? A me passerebbe tutta la poesia ve lo garantisco!
La cavalleria non è morta ma purtroppo è agonizzante, e la colpa signore è solo nostra convinte che la parità si ottenga diventando patetiche controfigure del “maschiaccio oppressore” contro cui si è fatta la rivoluzione dei costumi.
Ma fondamentalmente siete così sicure che sia svilente essere corteggiate con un mazzo di fiori, con la porta che viene aperta, il conto del ristorante saldato e un meraviglioso sorriso?

1.pz0RM_sld

Questo locale si trova a Milano, si chiama Don Juanito è un delizioso ristorante argentino.
Non è il mio ristorante preferito, io sono tendenzialmente vegetariana, e essere portata a pranzo qui fu una pessima idea (se vi piace la carne invece è davvero il posto ideale!)
Ma la persona che mi ci portò fu talmente speciale da rendere la giornata indimenticabile.
Forse in argentina la cavalleria agonizza un po’ meno che in Italia… forse…
Voi cosa ne pensate?

“Seré un angel para ti una dama a quien poder abrir tu alma,
pero como un sol de fuego tu deseo encenderé y muy despacio apagaré…”

20160611_192737+

La foto del Don Juanito è tratta dal Web

The photos are not great in the post today, are only the choreography, it’s not important how they are dressed, made-up (by the way … if at all) or jewelry that I wear … the important thing is how and how I feel female, or female any 360 °.

“I’ll be an angel for you that woman who can shake the heart, but if you must like the sun kindle your senses and slowly then extinguish them.
Woman with you, me who knows what you know, woman with you if you want it. “
(Anna Oxa)

Yesterday I participated in a lively debate arising from a Facebook post by Alessandro Pelizzari Nicolò, about the class of men to dinner. (The post of Alexander found here)
Several times on my blog I have dealt with class, etiquette and rules of conduct stressing that “stingy” is not class, but they are never entered in the specific … first date, the restaurant … who should pay the bill?
This opens up a nice chapter on the subject of class and elegance … imagine the evening … first date (no matter what age you have, you always live with Tessa anxiety and the same expectations), you have taken hours to prepare yourselves to be at the top, and now you’re sitting at a table in a restaurant and you feel the queens.
But OPHS comes the time of the account and the prince of the story turns into a toad with a little fine “Famo alla romana” … well, at this point I suggest you beat the crisp eyelashes mascara, fall from the pear tree Marylin model to point out that oh careless … I forgot my wallet at home, on the other hand in the tiny clutch of reach for the evening there would be still entered.

There is no justification whatsoever for such a gesture, the man that you encounter is a rude, it is on this occasion and always will be, so to perfect careless when they are removed from the restaurant will lose also its number of phone, her emails and whatever it takes to hold the contacts.
Feminism and good education can easily go hand in hand, in front of a rude gesture I do not feel the equal of a man feel belittled me in my being a woman!
Dressing like a truck driver, speaking as a camallo (I heard swearing women thing that annoys me if a man I deeply disgusted by a woman), and acting in the draft of a successful man evil, we will give a turn for the worse in our lives, equality is something else and wins otherwise.
I have a theory … started by accepting to pay in half or even pay you, be what you wear pants, you’re the compagnona barricadera at every opportunity … and eventually somehow you will leave for Barbie , because on balance the counterparty queers may say in Dolores Ibarruri always prefer Edwige Fenech (with all due respect to both of these two beautiful ladies), and I highly doubt that to win the Fenech, the Montezemolo did pay the bill.
This is not to consider the other an ATM, for charity also happen sometimes that we will then pay, or at least make the gesture (which is really felt, however, the fiction is always perceived), but during the relationship, in the pants this case we bring them only as a piece of clothing.
Consider also another thing … unless you’re from Mc Donald, though the restaurant during a romantic evening is you to pull out your wallet, your man will not make a figure and sincerely … after such a gesture rude you also have time to pursue a romantic evening?
Chivalry is not dead but unfortunately is dying, and the blame is only our Lord convinced that equality is achieved becoming pathetic stunt of “tomboy oppressor” against which it is made the revolution.
But basically you’re so sure it’s demeaning to be courted with a bouquet of flowers, with the door is opened, the account of the welded restaurant and a wonderful smile?

This restaurant is located in Milan, it is called Don Juanito, a delicious Argentine restaurant.
Not my favorite restaurant, I tend to vegetarian, and be brought to lunch here was a bad idea (if you like meat instead is really a great place!)
But the person who brought me there was so special to make your day unforgettable.
Maybe in the Argentine cavalry agonizes less than in Italy …
What do you think?

“Seré an angel para ti a lady a quien poder abrir you alma,
pero como un sol de fuego you deseo encenderé y muy despacio apagaré …”

 

1 Comment

  • Chrinstine

    Hello! I’ve been reading your web site for a while now
    and finally got the courage to go ahead and give you a shout
    out from Humble Tx! Just wanted to say keep up the excellent job!

    Have a look at my weblog; Chrinstine http://yahoo.co.uk

Comments are closed.