Fashion Fashion over 40 La Parigina Press

SI FA PRESTO A DIRE “TENDENZA”

DSC04633+
Ovviamente com’è nel mio stile… non si tratta di vera pelle!!!

Si fa presto a dire “tendenza”, nel mondo della moda questa parola è ormai utilizzata a caso.
Ma per indicare cosa? Cosa significa “tendenza”?
Dovrebbe essere l’indicazione di come ci vestiremo nei prossimi mesi? Oppure dell’accessorio must che indosseremo nei prossimi mesi? Quando si utilizza la parola “tendenza” viene davvero fatta una ricerca?.
Io vi assicuro ho dei seri dubbi in proposito
Ero molto indecisa se scrivere o meno questo post, ma poi mi sono detta perchè no? Alla fine è giusto che un dubbio debba essere colmato, o resterà sempre un dubbio.
A Maggio mentre ero dalla mia parrucchiera (o hairstylist se vogliamo usare un inglesismo forbito) sfogliando alcune riviste, mi è capitata tra le mani GRAZIA della prima settimana di Maggio.
L’occhio ad un certo punto cade su un articolino di moda (lo trovate qui
nel quale vengono presentati dei capi con accanto il costo e e la provenienza, in particolare gli zoccoli di legno e dei top/maglie traforati quasi una lavorazione ad uncinetto.
Ora a parte l’indicazione su come indossare gli zoccoli che a mio parere è di cattivo gusto (con i calzini???!), opinione del tutto personale, la cosa che mi ha colpita in maniera negativa è che vengano indicati come “tendenza”
Chi ha stabilito la “tendenza”? La giornalista o il brand che doveva far fuori qualche fondo di magazzino?
Io a questo punto penso sia il brand a decidere l’articolo e non la giornalista a fare ricerca, sospetto giustificato?
Perchè se una ricerca è stata fatta, forse era meglio cercare un po’ di più, magari anche nei propri archivi visto che giusto un anno prima GRAZIA pubblicava un articolo sugli zoccoli (qui)… tendenza del 2015 o del 2016?
Nessuno dei due, visto che “la tendenza” di cui stiamo parlando ha almeno 3 anni!
Poi naturalmente possiamo dire che magari 3 anni fa erano di cuoio, 2 anni fa di pelle, magari si usavano marroni e oggi neri… ma sempre zoccoli borchiati anni ’70 sono, tendenza di 3 anni fa!

Allego foto dei 3 capi da me acquistati negli ultimi anni, zoccoli e maglia hanno 2 anni di vita, il top invece dell’anno scorso lo trovate (qui), già utilizzato per il look del party anni ’70 di fine maggio.
Ho precorso i tempi? Sono una grandiosa influencer/trend setter?
(mamma mia che parolone…)
O semplicemente faccio acquisti perchè mi piace davvero la moda e scelgo liberamente cosa indossare e come comporre i miei look?

Non sono un brand o una rivista a dettare una tendenza, siamo NOI ricordatelo!

Se vi piace un capo, può anche essere acquistato sulla bancarella di un mercato, il buon gusto non dipende dalle pagine patinate ne da uno stilista (e spesso sulle passerelle si vedono capi che la parola buon gusto non sanno proprio cosa sia), ne da una Blogger vestita come l’Uccello del Paradiso, il buon gusto è un mix di buon senso, classe e glamour innati certamente, ma che possono anche essere appresi e raffinati.
Forse le giornaliste di moda hanno ragione ad essere arrabbiate con quelle blogger che in prima fila alle sfilate invece di interessarsi a quanto hanno sotto gli occhi scattano selfie a ripetizione con cui riempire i socials accanto magari al nome di grido del momento e riservano poi alla manifestazione 2 righe scarse (perchè in realtà non sanno cosa dire, però sul party dopo sfilata scriveranno fiumi di parole senza capo ne coda), o forse no, perchè fare ricerca è difficile e costa fatica tanto alle une quanto alle altre.
Però almeno… si può evitare di usare la parola “tendenza”?

“La moda domina il mondo.
Le parigine dominano la moda.
Sarà vero? Ma che importa, poi…. il mondo ha bisogno di miti”
— Caroline de Maigret —

A proposito… gli zoccoli da me acquistati provengono da GARIBALDINA (Pogliano M.se), la maglia da Cache Cache e il top da Tally Wejil e sono frutto… del caso, di un giorno qualunque passando davanti alle vetrine.

NB:
Nonostante la “buccia di banana”.. GRAZIA resta sempre una delle riviste migliori e da me più amate.
(Avrei sprecato tempo secondo voi a muovere una critica altrimenti?)

DSC04635+

DSC04638+
Questo modello è molto carino, non esageratamente alto ma il giusto per slanciare la figura quando si indossano abiti lunghi un po’ gitani e con il cinturino mobile per permettere agevolmente di guidare. Niente male vero?

DSC04640+

DSC04629+

It’s easy to say “trend”, in the fashion world this word is now used randomly.
But to indicate what? What “trend” means?
It should be an indication of how we wear in the coming months? Or accessory must be wearing in the coming months? When you use the word “trend” a search is made really ?.
I assure you I have serious doubts about it
I was undecided whether or not to write this post, but then I said why not? The end is right that a doubt must be bridged, or will always be a doubt.
In May, while I was by my hairdresser (or hairstylist if we use a Englishness polished) flipping through some magazines, I ended up with GRACE of the first week of May.
The eye at some point falls on a fashion articulate (found here) 
in which they are presented the garments with next and the cost and the origin, in particular of wood and hooves of the top / openwork mesh almost a machining or crocheted.
Now apart from the indication on how to wear clogs which in my opinion is tacky (with ???!) Socks, very personal opinion, the thing that struck me in a negative way is to be referred to as “trend “…
Who has established the “trend”? The journalist or the brand that had to shed off some stock fund?
I at this point I think it is the brand to choose the item and not the journalist doing research, I suspect justified?
Because if a search was made, it was better to try a little ‘more, maybe even in its archives since just one year before GRACE published this article on the hooves (please see italian version)
and especially given that “the tendency” we are talking about has at least 3 years of life.
Then of course we can say that maybe three years ago were leather, two years ago of skin, perhaps you were using browns and blacks today … but always clogs studded 70s are, trend three years ago!

I include photos of 3 garments purchased by me in recent years, hooves and knit have 2 years of life, the top invec last year you can find it (here), already used to the look of the party 70 in late May.
I ahead of his time? They are a great influencer / trendsetter?
(My mom that word …)
Or simply I make purchases because I really love fashion and freely choose what to wear and how to compose my looks?

I’m not a brand or magazine to dictate a trend, we are us remember that!

If you like an item, can also be purchased on a market stall, good taste does not depend on the glossy pages of it as a fashion designer (and often on the catwalk are seen leaders that the word good taste do not know what it is), it by a Blogger dressed like the Bird of Paradise, good taste is a mix of common sense, class and glamor innate certainly, but that can be learned and refined.
Perhaps the fashion journalists are right to be angry with those bloggers in the front row at fashion shows instead of concerning the parade taking selfies to fill socials next to shout the name of the moment and then reserve the event two little lines (because in reality they do not know what to say, but the after-show party with no head or tail will write many words), or maybe not, because it’s difficult to do research and effort costs so much to each other since.
… But at least you can avoid using the word “trend”?

“Fashion rules the world.
Dominate the Parisian fashion.
Is it true? But who cares, then …. the world needs myths “
– Caroline de Maigret –

By the way … the clogs I bought come from GARIBALDINA (Nerviano), the jersey from Cache Cache and the top from Talli Wejil … and are the result of the case, an ordinary day past the windows.

NB:
Despite the “banana skin” .. GRACE is always one of the best magazines and myself most popular.
(I would have wasted time do you move a critical otherwise?)

No Comments Found