Benessere Lifestyle

LOOK PER UN PARTY ANNI ’70

IMG_20160526_121625+
Abito OVS – collier CACHE CACHE

Party night… da quanto tempo non partecipate a una festa?
A volte penso a com’era diversa la vita dei nostri genitori, pur venendo da una famiglia con possibilità, mai mia madre ci avrebbe lasciati a casa con una baby sitter, o anche solo con mia nonna per passare una serata di relax e divertimento.
O si trattava di serata strettamente correlata al lavoro di mio padre (dove comunque spesso andavamo anche noi) o non ricordo mia madre uscire la sera.
Non voleva? Non le interessava? No, semplicemente la generazione che ci ha preceduto era la generazione dei “sensi di colpa”, la generazione delle regole e dei doveri, regole e doveri assolutamente privi di fondamento e di qualunque senso logico.

“Cos’è la filosofia? E’ sapere che questo momento non lo rivivrai mai più”

Purtroppo i retaggi di quella generazione spesso li portiamo con noi come un fardello inutile di cui non sappiamo come liberarci, perché liberarsene è difficile costa fatica e lavoro su se stesse, è uscire di prepotenza dalla confort zone in cui ci sentiamo al sicuro.
Ma quante vite abbiamo? Sprecare la propria vita in “vorrei ma non posso” è utile? Sarà una frase fatta ma voi preferite vivere di ricordi o di rimpianti?
Io credo fermamente che sia dopo i 40 che si inizi a vivere davvero.
I figli (chi li ha) sono già grandi, oppure si è scelto con consapevolezza di averli tardi (per motivi di studio, carriera, ecc), la carriera è già più che consolidata e con stipendi solitamente buoni (anche perché se non si è impostata prima, difficilmente si farà dopo i 40).
Se c’è un compagno, in genere la situazione è la stessa (se non c’è, è il momento di guardarsi intorno, con serenità) 
Si hanno molti meno problemi, si è sicuri di se stessi e dei propri mezzi, la vita è avviata e può essere serena se lo vogliamo.
Non abbiamo più le incertezze lavorative dei 30, le incertezze sentimentali, l’orologio biologico che segna il tempo… tutto quello che si è fatto prima ha preparato la strada a quello che sarà il futuro.
Perchè averne paura e rovinarselo? 
Dedicatevi a voi stesse, se uscite per andare a bere un aperitivo, per andare al cinema, a una festa, a un evento, non è un dramma.
I vostri compagni e i vostri figli saranno perfettamente in grado di farsi un piatto di pasta, e se non lo fossero possono benissimo alzare il telefono e chiamare la pizzeria da asporto, per una sera vi assicuro che non moriranno di fame.
Silenziate il telefonino, a nessuno deve essere concesso chiamare per nessun motivo, a meno che oltre a voi non debbano chiamare anche il prete per l’estrema unzione, per una sera faranno tutti a meno di voi.
Non sentitevi in colpa ad entrare in un negozio e uscire con un vestito o un rossetto, o un accessorio, la gratificazione fa parte del processo PRISMA le regole per vivere bene, e non manderà in rovina il vostro conto corrente.
Viaggiate, viaggiate, uscite di casa quanto più potete, la cultura è importante e vi apre la mente.
I vostri compagni non vi seguono?
Pazienza! Resteranno a casa a guardare la partita, tanto cos’ avreste fatto quella sera? Vi sareste sedute con loro davanti alla tv? No, avreste guardato qualcos’altro in cucina, che magari vi piace ancor meno della partita, ma dovevate occupare il tempo… allora tanto vale uscire non credete?
Siete single? Invece di passare la serate a deprimervi, apritevi al mondo, ci sono tante persone single come voi, rilassatevi, iniziate a frequentare posti di qualità, iscrivetevi a un corso, magari quel corso cui pensavate da anni ma non avete mai trovato il tempo (o la voglia?), o partecipate a un evento culturale, a una serata organizzata da amici che magari non vedete da un po’.
Organizzate voi stesse una serata, perchè no? Sicuramente le possibilità di allargare le vostre conoscenze ci sono.
Non trasformatevi nella geisha servizievole, i vostri compagni sono adulti responsabili perfettamente in grado di cavarsela da soli, così come i vostri figli e soprattutto ignorate i commenti delle vostre madri, per fortuna il ’68 i costumi li ha cambiati!

“A 18 anni ti interroghi sul senso della vita, a 40 non te ne frega più nulla”

A proposito… la mia festa a tema era sul finire degli anni ’70 inizio anni ’80… anni che davvero il mondo lo hanno cambiato, e per la serata ho scelto un look totally Tally Weijl… ma di questo parleremo domani.

Buon weekend 

IMG_20160527_112600+
Abito: Disegual

Theme parties … how long do not participate in holidays?

Sometimes I think it was different the lives of our parents, despite coming from a family with possibilities, very unlikely my mother would have left at home with a babysitter, or even just with my grandmother to spend a relaxing and fun evening .

Or was it strictly correlated evening the work of my father (where, however, we often went even us) or do not remember my mother going out at night.

He did not want to? She did not care? No, just the generation that came before us was the generation of the “guilt”, the generation of rules and duties, rules and duties absolutely groundless and any logical sense.

“What is philosophy? And ‘know that this moment will never relive the most”

Unfortunately the legacies of that generation often we take them with us as a useless burden of which we know how to break free, because it is difficult to get rid of it takes effort and work on themselves, it is out of arrogance from the comfort zone where we feel safe.

But how many lives do we have? Wasting his life “but I can not” useful? It will be a cliche but you prefer to live on memories or regrets?

I firmly believe that after 40 you begin to really live.

The children (who has them) are already large, or you have chosen consciously to have them later (for reasons of study, career, etc), the career is already well consolidated and salaries usually good (because if you are not set before, it is difficult to make after age 40)

If there is a partner, in general the situation is the same (if not, it’s time to shop around with peace of mind)

You have far fewer problems, you are sure of themselves and of their own means, life is started and can be serene if we choose.

He no longer working uncertainty of 30, the emotional uncertainty, the biological clock that marks the time … all that has been done before has prepared the way for what will be the future.

Why be afraid of it and rovinarselo?

Devote yourself to yourself, if you get out to go for a drink, go to the movies, to a party, an event is not a drama.

Your companions and your children will be perfectly able to make a pasta dish, and if they were not may very well pick up the phone and call the pizza takeaway, for one evening I assure you will not starve.

Mute the phone, no one should be allowed to call for any reason, unless besides you should not even call the priest for the ceremony, for an evening they will all without you.

Do not blame yourself to walk into a store and walk out with a dress or a lipstick, or an accessory, the gratification is part of the PRISMA process rules to live well, and will put in ruins your checking account.

Traveling, traveling, out of the house as much as you can, the culture is important and opens the mind.

Your colleagues do not follow you?

Patience! They will stay at home to watch the game, so much so ‘would you have done that night? You would be sitting with them watching television? No, something else would have looked in the kitchen, maybe you like even less the game, but had to occupy the time … then you might as well go out do not you think?

Are you single? Instead of spending the evenings to get depressed, open up to the world, there are so many single people like you, relax, started to frequent quality jobs, enroll in a course, maybe that course which you thought for years but never found the time (or the desire?), or participate in a cultural event, a party organized by friends who may not see for a while ‘.

Organize yourselves an evening, why not? Surely the opportunity to broaden your knowledge are there.

Not transformed into geisha obliging, your mates are responsible adults perfectly able to take care of themselves, as well as your children and especially ignore the comments of your mothers, fortunately ’68 costumes changed them!

“At 18 question you about the meaning of life, at 40 you do not give a shit”

Have a nice weekend

No Comments Found